Scapolare Napoletano Sacro in Bronzo

40,00 iva inclusa

CLICCA QUI PER  IL VIDEO

Scapolare Napoletano La madonna dell’Arco avanti , per spianarci la strada e San Gennaro dietro per proteggerci le spalle .Nel retro delle targhette  c’ è un incisione di buon auspicio napoletano

“ A ‘ MADONNA T’ACCUPAGNA”. Nel retro dell’altra targhetta “ FALLO STU’ MIRACULO “rivolto al santo .

lunghezza rosario  cm 84 cm disponibile su ordinazione anche piu corta .

Provvederemo a spedire gli articoli entro 15 giorni dopo aver mandato la mail di conferma.

Descrizione

Pendente argento 925 in brono  minimale raffigurante il santo patrono della città  pendente argento925 realizzato in bronzo grezzo grandezza 5 cm x 2 cm circ pendente argento 925.

il patrono principale di Napoli, nel cui duomo sono  le sue ossa e due antichissime ampolle contenenti il sangue del santo.

Pendente San gennaro bronzo È il patrono principale di Napoli, nel cui duomo sono custodite le sue ossa e due antichissime ampolle contenenti il sangue del santo.

Per tre volte all’anno, l’ampolla viene esposta alla presenza dell’Arcivescovo di Napoli mostrata al popolo; in due delle tre date è presente anche l’Arcivescovo di Napoli.

Le date ricordano tre momenti della storia che legano le reliquie al popolo partenopeo.

Durante gli  “anniversari” che avviene il “Prodigio” o “Miracolo” della liquefazione del sangue di San Gennaro.

Pochi sanno che Ianuario era il vero nome di S.Gennaro. 

Qundi Gennaro (trasformazione napoletana di Ianuario) non era il suo nome, bensì il cognome.

Fonti non ufficiali affermano che il suo nome fu Procolo

La liquefazione del suo sangue è famosa non solo a Napoli, ma in tutto il mondo. Si tratta di San Gennaro, il patrono napoletano che viene festeggiato nel capoluogo campano ogni 19 settembre. Questa data coincide con il verificarsi del prodigio, ma il sangue del martire non si scoglie solo in questa giornata. Il fenomeno si ripete infatti altre due volte nel corso di ogni anno: il sabato che precede la prima domenica di maggio e il 16 dicembreEcco tutto quello che c’è da sapere sulla storia di una delle figure partenopee più conosciuteIl miracolo di San Gennaro è a mio avviso una delle forme in cui la religione e la superstizione si fondono.Storicamente, la prima notizia documentata dell’ampolla contenente la presunta reliquia del sangue di San Gennaro risale soltanto al 1389.